Breadcrumb

Museo delle Arti e dei Mestieri – La Casa Alla Madonna Nera (Uměleckoprůmyslové museum – Dům U Černé Matky Boží)

Un’eccellente architettura cubista ceca, edificata tra il 1911 ed il 1912 su progetto dell’architetto ceco Josef Gočár. Si trova nella Città Vecchia, tra la via Celetná ed il Mercato della frutta. Il nome deriva dalla statua barocca che si trova all’angolo dell’edificio. Dopo la ristrutturazione completa dell’edificio Museo delle Arti e dei Mestieri qui ospita un’esposizione cubista.

Museo delle Arti e dei Mestieri – La Casa Alla Madonna Nera (Uměleckoprůmyslové museum – Dům U Černé Matky Boží), Ovocný trh 19, Praha 1 - Staré Město, 110 00
Web: http://www.upm.cz, http://www.czkubismus.cz/, indirizzo e-mail: info@upm.cz
tel.: +420778543901

Orario di apertura

Gennaio – Dicembre

Martedì
10.00 – 18.00
Mercoledì
10.00 – 18.00
Giovedì
10.00 – 18.00
Venerdì
10.00 – 18.00
Sabato
10.00 – 18.00
Domenica
10.00 – 18.00

Prezzo d'ingresso

di base

150 CZK

ridotto

80 CZK

Programma

La storia dell'edficio

Casa della Madonna Nera
La casa cubista più vecchia di Praga
venne fatta edificare nel 1912 dal grossista František Josef Herbst, secondo il progetto dell’allora trentunenne architetto Josef Gočár. Fu il primo edificio ad essere costruito in stile cubista sul luogo dove giaceva la demolita casa barocca della Madonna Nera, detta anche Della rete d’oro (U zlaté mříže). Da essa prese il nome ed il significato originale – la statuetta della Madonna nera con bambino, situata sull’angolo all’altezza del primo piano, dietro la rete d‘oro. In Repubblica Ceca ci sono circa dodici Madonne nere, la più famosa si trova nel santuario di Loreta a Hradčany. Queste statuette erano situate nelle cripte sotterranee della cattedrali presso le sorgenti d‘acqua. Il club “Per la Vecchia Praga“ (klub Za starou Prahu) criticò animatamente il consiglio municipale di allora, che aveva approvato la demolizione dell’edificio originale. La nuova costruzione fu, però, una piacevole sorpresa per tutti. La nuova casa a cinque piani con mansarde ha diversi elementi cubisti: un massivo portale, la facciata, le finestre e le scalinate e, il suo aspetto cubista, chiaramente appartenente al XX secolo, è considerevolmente incorporato nell’ambiente storico circostante. L’autore del progetto è riuscito a incorporarvi anche il vecchio stemma della casa. Anche gli interni sono stati arredati in stile cubista, compresi i mobili ed altri dettagli. Nel seminterrato dell’edificio c‘era originariamente un’enoteca, al primo piano la famosa caffetteria Grand Café Orient, anch’essa in stile cubista, al secondo piano c’erano negozi tessili, di abbigliamento e di prodotti alla moda, al terzo uffici, al quarto piano l’appartamento e l’ufficio dell’amministratore e, al quinto, il deposito e la lavanderia. Dopo la prima guerra mondiale, una banca prese il posto della caffetteria e dei negozi, dopo il 1948 divenne sede della società nazionale Výstavnictví. Negli anni 1993 – 1994, la casa subì una ristrutturazione generale secondo il progetto di Karel Prager, durante la quale venne ristabilito lo stato iniziale. Grazie ad una pasta speciale, venne rimossa l‘inappropriata vernice e, seguendo la documentazione originale conservata, venne costruita parte del tetto in vetro, secondo il progetto di Gocar, il quale non era stato seguito in origine. Nel 2000, venne installata sulla casa una copia policroma della statuetta della Madonna Nera, scolpita negli atelier dell’Accademia delle belle arti.

La Casa della Madonna Nera è monumento culturale nazionale dal 1. 7. 2010.

 

Visualizza la storia dell'edficio

Edifici correlati