Breadcrumb

La Casa danzante (Tančící dům)

Costruita nel 1996, è considerata uno dei pilastri dell'architettura moderna praghese. Il progetto è stato elaborato dagli architetti Vlado Milunič a Frank O. Gehry. La concezione dell'edificio é ispirata allo stile di danza della famosa coppia Fred Astaire (torre di pietra) e Ginger Rogers (torre di vetro). Nella Casa Danzante potete visitare la galleria, il ristorante e il bar con terrazza panoramica dal quale potete ammirare una veduta di Praga a 360 gradi.

La Casa danzante (Tančící dům), Rašínovo nábřeží 80 / Jiráskovo náměstí 6, Praha 2 - Nové Město, 120 00

La storia dell'edficio

Nei luoghi dove, tra il 1992 e il 1996, venne edificato l’edificio della Casa danzante, sorgeva una casa che venne distrutta durante il bombardamento aereo di Praga da parte degli americani, avvenuto il 14 febbraio 1945. Nel 1992, il terreno è stato acquistato dalla compagnia di assicurazioni olandese Nationale Nederlanden. Per la costruzione è stato scelto il progetto dell’architetto Vlado Milunic e, come collaboratore, è stato invitato l’architetto e designer di fama mondiale Frank O. Gehry. Sorse uno straordinario edificio atipico, che però si armonizza alla perfezione con gli edifici circostanti. È una delle piccole case praghesi che entra dinamicamente nello spazio della strada. L’edificio viene metaforicamente chiamato “Casa danzante” e "Ginger e Fred". Esso ha acquisito queste denominazioni grazie alle sue torri, che ricordano i ballerini Ginger Rogers e Fred Astair. Il ballerino viene rappresentato dalla torre di pietra, mentre la sua partner viene rappresentata dalla torre di vetro. In cima alla torre, che simboleggia una figura di un uomo, c’è una cupola avvolta da capelli immaginari. L’autore è Frank O. Gehry. Gli interni sono stati parzialmente progettati dall’architetto inglese di origine ceca Eva Jiřičná. Attualmente, nell’edificio ci sono alcuni uffici, una caffetteria, un ristorante di lusso con terrazza e una bella vista. L’edificio ha ottenuto un riconoscimento prestigioso dalla rivista americana Time – nel 1996, ha vinto nella categoria design dell’anno.

Visualizza la storia dell'edficio

Edifici correlati