Breadcrumb

Chiesa del Santissimo Redentore (Kostel Nejsvětějšího Salvátora)

Questa chiesa è considerata uno dei monumenti primo barocchi più preziosi di Praga. Un tempo era la chiesa principale dei Gesuiti in Boemia. Attualmente, viene utilizzata dalla parrocchia accademica romano cattolica ed ospita anche concerti d'organo. L’organo risalente alla metà del XVII secolo è stato suonato negli anni ottanta del XVIII secolo anche da Jakub Jan Ryba, celebre compositore della Messa di Natale “Missa pastoralis bohemica”.

Chiesa del Santissimo Redentore (Kostel Nejsvětějšího Salvátora), Křižovnické náměstí, Praha 1 - Staré Město, 110 00
Web: http://www.farnostsalvator.cz, indirizzo e-mail: info@farnostsalvator.cz
tel.: +420222221339, +420724367681

FUNZIONI RELIGIOSE ROMANO-CATTOLICHE CHE SI SVOLGONO REGOLARMENTE

Ottobre - Giugno

  • dom: 14.00 e 20.00
  • mar: 19.00 (Santa Messa degli studenti)

Luglio - Settembre

  • dom: 20.00

La chiesa viene aperta per le visite circa 30 minuti prima della messa
Accessibile su richiesta info@farnostsalvator.cz

Concerti d’organo

Visualizza le informazioni dettagliate

Programma

La storia dell'edficio

Una delle tre chiese situate nel complesso del Clementinum del primo Barocco è la chiesa del Santissimo Salvatore. La facciata della chiesa si apre in direzione del Ponte Carlo (Karlův most) ed è situata sul luogo dove sorgeva il convento dei domenicani con la chiesa di S. Clemente. Nel periodo delle guerre ussite, il convento fu bruciato da quest´ultimi. Con l’arrivo dei Gesuiti nel 1556, a Praga iniziò un periodo di sviluppo edilizio. La costruzione originale fu demolita e, sul vasto lotto, iniziò la costruzione dell’ampio complesso gesuita, noto come Clementinum. La chiesa venne costruita in più fasi durante gli anni 1578 – 1714. Famosi artisti contribuirono ai rimaneggiamenti strutturali. All’inizio, furono soprattutto i costruttori Carlo Lurago e Francesco Caratti. Il peristilio con intonaci davanti all’ingresso venne creato da Giovanni Bartolomeo Cometa. Le statue nel portico sono opera di Jan Jiří Bendl: i Padri della Chiesa, i Santi Teutonici, gli Evangelisti, il Cristo e la Vergine Maria. Nel 1714 furono innalzate entrambe le torri e fu aggiunta una cupola al tetto, il tutto secondo il progetto dell‘architetto František Maxmilián Kaňka. Negli anni 1971 - 1987 venne eseguita la ricostruzione degli interni e del mobilio e, negli anni 1994 – 2008, vennero restaurati la facciata, il portico e le statue. Gli interni in stile primo Barocco sono riccamente decorati con intonaci. L’autore è di nuovo G.B. Cometa. Le statue della chiesa sono opera dello scultore J. J. Bendl, degno di nota è anche il confessionale decorato con le statue dei 12 apostoli. Sull’altare principale si trova il quadro di Jan Jiří Hering. Nella cripta sotterranea si trova la grande tomba dei membri dell’ordine dei Gesuiti, tra i quali è qui sepolto anche il sostenitore della lingua ceca, Bohuslav Balbín. La chiesa appartiene alla Chiesa cattolica romana

Visualizza la storia dell'edficio