Breadcrumb

Opera di Stato (Státní opera)

Questo principale teatro lirico europeo ha sede in un incantevole edificio neorinascimentale dagli interni riccamente decorati. Fu inaugurato nel 1881 come teatro tedesco praghese con l’opera di Wagner “I Maestri Cantori di Norimberga”. La grande platea e le decorazioni in stile neo-rococò fanno di questo teatro uno dei palazzi più belli d’Europa. L’Opera di Stato fa parte del Teatro Nazionale ed il suo palcoscenico ospita opere liriche e balletti.

Opera di Stato (Státní opera), Wilsonova 4, Praha 1 - Nové Město, 110 00
Web: http://www.narodni-divadlo.cz, indirizzo e-mail: info@narodni-divadlo.cz
tel.: +420224901448, +420224901111

Orario di apertura

Attenzione: Nella stagione 2016/2017, causa ristrutturazione generale, l’Opera di Stato rimarrà chiusa. Una parte del repertorio delle opere e del balletto verrà presentata al Teatro Musicale di Karlín e al Teatro Nazionale.

La storia dell'edficio

L’Opera di Stato di Praga

L’edificio nuovo rinascimentale del teatro ha un palese predecessore. Nel 1858, la direzione del Teatro degli Stati ha affittato un terreno al di sopra del teatro di oggi e, l’architetto Josef Niklas ha costruito il Teatro della Città Nuova qui. Esso era anche chiamato Di fronte al cancello del cavallo, che è ancora in piedi come allora. Le opere ceche furono rappresentate qui regolarmente, con attori del Teatro degli Stati e, più tardi, anche del teatro Provvisorio. Il 16 maggio 1868, quando fu posta la prima pietra del Teatro Nazionale, il nuovo Teatro della Città rappresentò Dalibor di Smetana per la prima volta, diretta personalmente dal compositore. Il Teatro della Nuova Città fu in attività fino al 1885 e, in seguito, venne demolito.
Nel 1886, l’architetto Alfons Wertmüller iniziò a costruire un teatro nuovo sulla base dei piani della famosa società di Vienna Fellner e Helmer, focalia sulla costruzione del teatro. L’associazione tedesca costruí il teatro e, il 5 gennaio 1888, fu inaugurato solennemente il Nuovo Teatro tedesco, un luogo rappresentativo per i cittadini praghesi di nazionalitá tedesca. Lo spettacolo di apertura fu I maestri cantori di Norimberga di Richard Wagner. Il teatro era usato maggiormente per le opere liriche e molte celebrità cantarono qui, come ad esempio Enrico Caruso, nel 1910 essi rappresentarono la prima mondiale di Elettra di Richard Strauss.
La facciata dell’edificio è decorata con busti dello scultore Otto Mentzel (Goethe, Mozart, Schiller) e, ci sono 13 sculture sul frontespizio di Theodor Friedl, scene della mitologia antica Pegasus, Icarus, Cupid, Athena, Leda e altri). All’interno del teatro, ci sono busti di artisti, vittime del fascismo: Josef Čapek, Julius Fučík, Joe Jenčík, Václav Jiříkovský, Rudolf Karel, Anna Letenská, Vít Nejedlý, Josef Skřivan, Oldřich Stibor, Bedřich Václavek, Vladislav Vančura, František Zelenka. Al centro, c’è una scultura di Bedřich Smetana di Karel Lidický. C’è inoltre una targa commemorativa con i versi di Stanislav Kostka Neumann, dedicata alla memoria degli attori del teatro che morirono durante l’occupazione fascista.
Nell’auditorium, ci sono quadri di Eduard Veith. Quando il fascismo andò al potere in Germania, il teatro giocò un ruolo progressivo nella preparazione degli artisti tedeschi perseguitati dai nazisti. Durante l’occupazione, il teatro operò sotto il nome di Teatro Deutsches. Dopo il 1945, il teatro divenne un teatro popolare ceco chiamato Teatro del 5 maggio. Il primo ottobre 1945, l’opera di Smetana Braniboři v Čechách (I brandeburghesi in Boemia) fu rappresentata qui. Dal 1946, solo un complesso di opera lirica è stato attivo nel teatro, sotto il nome di Grande Opera del 5 maggio. Nel 1948, il complesso della Grande Opera si unì al gruppo del Teatro Nazionale e, l’edificio divenne la sua terza scena, rinominata Teatro di Smetana il 3 novembre 1949. Dal 1 aprile 1992, il teatro ha ottenuto lo statuto di istituzione artistica indipendente chiamata Opera di Stato di Praga. Durante gli anni 1967-73, è iniziata un’ampia ricostruzione del teatro sulla base del progetto dell’architetto Jiří Albrecht. Dal 1988, la facciata è stata modificata, la copertura è stata sostituita e le decorazioni sculturali sul fronte sono state restaurate.

Visualizza la storia dell'edficio

Edifici correlati