Breadcrumb

Chiesa del Santissimo Cuore del Signore (Kostel Nejsvětějšího Srdce Páně)

A prima vista, la caratteristica più evidente di questa chiesa è l'enorme orologio di vetro con un quadrante dal diametro di 7,6 metri situato su una torre piatta, alta 42 metri, che si estende per l'intera larghezza dell’edificio. Questo particolare edificio moderno, ispirato ai modelli paleocristiani, fu edificato tra il 1928 ed il 1932 dal famoso architetto sloveno Josip Plečnik. Una particolarità di questo importante edificio sacro ceco del XX secolo che rievoca l’Arca di Noè è l’assenza del pulpito.

Chiesa del Santissimo Cuore del Signore (Kostel Nejsvětějšího Srdce Páně), náměstí Jiřího z Poděbrad, Praha 3 - Vinohrady, 130 00
Web: http://www.srdcepane.cz, indirizzo e-mail: farnost@srdcepane.cz
tel.: +420222727713

FUNZIONI RELIGIOSI ROMANO-CATTOLICHE CHE SI SVOLGONO REGOLARMENTE:

  • lun - sab 8.00; 18.00
  • dom: 9.00; 11.00; 18.00

La chiesa viene aperta per le visite circa 40 minuti prima e mezzora dopo la messa.
Per i gruppi più grandi è richiesta la prenotazione.

 

Visualizza le informazioni dettagliate

Programma

La storia dell'edficio

Questa chiesa è la costruzione sacrale più importante della Boemia del XX secolo. Durante la rapida espansione dell’area residenziale praghese di Vinohrady, la chiesa parrocchiale di S. Ludmila non era più sufficiente, così, il consiglio comunale dedicò un lotto alla costruzione di una chiesa nuova e, fu fondata l’Associazione per la costruzione della seconda chiesa a Královské Vinohrady. Nel 1919 venne bandito un concorso pubblico, che fu vinto dal progetto dell’architetto sloveno Josip Plečnik. Negli anni 1928 - 1932 fu costruito un edificio moderno e assai caratteristico, ispirato ai modelli paleocristiani. La Consacrazione del Sacro Cuore di Gesù intende esprimere il ringraziamento per il conseguimento dell’indipendenza e la preghiera per la difesa delle terre ceche. La chiesa è una costruzione a tre navate della stessa altezza, con pianta rettangolare delle dimensioni di 38 e 26 m con un tetto a cassettoni alto 13 m. C’è una certa somiglianza con i templi antichi. La chiesa ha una torre alta, larga 42 m, di tipo sud europeo, che termina con una cupola in rame di tre metri, con una croce di quattro metri. La grande finestra rotonda della torre faceva passare inizialmente la luce mattutina nella chiesa, in seguito vi venne apposto un orologio del diametro di 7,6 m. La facciata è molto decorativa, fino a tre quarti dell’altezza è in mattonelle smaltate, sopra di essa c’è un piano rialzato con ballatoio ed un basso frontone. Sulla facciata si trovano tre portali massicci. Plečnik contribuì in parte anche agli interni della chiesa, che sono altrettanto originali come gli esterni. Sopra l’altare principale in marmo bianco, con un uno sportello dorato in ferro battuto, è appesa la figura dorata di tre metri di Cristo col cuore simbolico e le statue di sei patroni cechi in dimensioni soprannaturali: S. Giovanni Nepomuceno (sv. Jan Nepomucký), S. Agnese (sv. Anežka), S. Adalberto (sv. Vojtěch), S. Venceslao (sv. Václav), S. Ludmila e S. Procopio. Esse sono in legno di tiglio e sono opera dello scultore Damián Pešan. Sopra i portali della facciata troviamo le sculture di Bedřich Stefan. Un fatto interessante di questa chiesa post moderna è che non è presente il pulpito. L‘8 maggio 1932 la chiesa fu consacrata dall‘arcivescovo praghese, il cardinale dott. Karel Kašpar. Nella torre furono consacrate sei campane, che furono tolte dagli occupanti nazisti per fonderle allo scopo di produrre armi. Di queste, rimase soltanto la più piccola. Nel 1992, due delle sei campane originali, opere della famiglia di produttori di campane Manoušek, ritornarono nella torre. Nel 1933, l’immagine della chiesa apparve sui francobolli dell’edizione “Le meraviglie della nostra terra“ (Krásy naší vlasti). L’autore dell’incisione fu il pittore e grafico Pavel Kovářík. La chiesa è monumento culturale nazionale dal 1. 7. 2010.

 

Visualizza la storia dell'edficio