Breadcrumb

Casa dei Signori di Kunštát e Poděbrady (Dům Pánů z Kunštátu a Poděbrad)

Questa casa, nella quale il futuro re boemo Giorgio di Podebrady visse all’inizio del XV secolo, è uno degli edifici romanici meglio conservati della città – le sue origini risalgono al periodo dopo il 1200. Nei sotterranei si è conservata una parte considerevole di un palazzo romanico. Oggi, qui ci sono una galleria e Beer Club U Kunštátů.

Casa dei Signori di Kunštát e Poděbrady (Dům Pánů z Kunštátu a Poděbrad), Řetězová 3, Praha 1 - Staré Město, 110 00
Web: http://www.ukunstatu.cz, indirizzo e-mail: kontakt@ukunstatu.cz
tel.: +420601353776

Orario di apertura

Dicembre – Marzo

Tutta la settimana
15.00 – 23.00

Aprile – Novembre

Tutta la settimana
14.00 – 24.00

Prezzo d'ingresso:

  • 30 CZK
  • l'ingresso gratuito per gli ospiti del ristorante

Visualizza le informazioni dettagliate

La storia dell'edficio

Una delle case romaniche meglio conservate di Praga è situata nelle vicinanze della cosiddetta Via Reale, essa fu costruita nel periodo tra la seconda metà del XII secolo e la prima metà del XIII secolo. L’edificio non è una comune casa borghese, è piuttosto una sede di imprenditori, un palazzo. La sua impostazione si differenzia dagli altri edifici romanici di Praga, in quanto è piú vicina ad un maniero. Essa era una parte dell’estesa tenuta recintata con il giardino e la torre. Il piano terra di quell’epoca (oggi sotterraneo) fu conservato nello stato originario, così come una parte del primo piano (oggi piano terra). Il terrazzo della Città Vecchia fu elevato da un terrapieno di terra, che doveva servire a fermare le frequenti inondazioni delle case. La pianta del palazzo era un rettangolo regolare prolungato, diviso per lungo in tre stanze con soffitto a conchiglia. I mattoni delle parti conservate dell’edificio, cosí come la volta a supporto ed i pilastri, sono realizzati da blocchi regolari di marne arenacee che si trovano nella dura malta arenacea, le volte sono fuse in uno strato di legno.
I resti del focolare sono conservati al primo piano e, in una stanza, ci sono ancora delle piccole finestre. La casa era anche chiamata Casa Bočkovský, poichè, nel 1406 fu di proprietà di Boček di Kunštát, zio di Jiří di Poděbrady, il quale ha ricostruito la casa e l’ha rialzata di un piano. Jiří di Poděbrady prese in custodia il palazzo nel 1451. Egli ebbe alloggiò qui, per il tutto il tempo in cui lavorò come governatore del regno Boemo. Oltre alle altre negoziazioni diplomatiche, nel 1457, fu concordato qui anche il matrimonio della figlia di Caterina con il futuro re di Ungheria Mattia Corvinus. Da qui, fu eletto re di Boemia nel 1458. Dopo la morte di Ladislav Postumo, quando fu eletto re, si traferì alla Corte reale. In seguito, i proprietari della casa continuarono a cambiare e, nel 1512, la tenuta divenne una proprietà borghese.
La casa fu ricostruita nello stile Classicista dall’architetto Kašpar Předák nel 1846. I locali conservati furono scoperti nel 1941, durante la costruzione di un rifugio antiaereo, tuttavia, le ricerche archeologiche iniziarono già prima della guerra, condotte dal dottor Píša. Nel 1950-52 iniziò la conservazione sistematica di questa casa, poichè essa rappresenta il culmine dell’architettura secolare primo feudale di Praga e conclude, inoltre, il suo sviluppo.
Dal 1950 in poi L‘istituto Nazionale dei Beni Culturali ha avuto i suoi uffici nella casa.
L’edificio fu aperto al pubblico nel 1970. C’era una sala commemorativa di Jiří di Poděbrady (abolita). La casa è decaduta gradualmente.
In seguito a molti anni di ricostruzione, il magistrato ha stabillito otto appartamenti fuori standard qui, che hanno ancora le travi originali dei soffitti dipinti. Riguardo all’unico piano terra e all’area sotterranea con elementi romanici significativi, dal 2012 ci sono il caffè e la galleria U Kunštátů.

Visualizza la storia dell'edficio

Edifici correlati